Arturo Malignani e le sue invenzioni

In ricordo del genio che portò Udine ad essere all’inizio del 1900 capitale d’innovazione, l’Ateneo ha organizzato un evento per commemorarne la figura ed invenzioni.

MARTEDÌ 29 NOVEMBRE 2016, ORE 14.45
AULA A / POLO SCIENTIFICO–TECNOLOGICO
VIA DELLE SCIENZE 206, UDINE

ore 14.45   PRESENTAZIONE E SALUTI

Marco Petti
DIRETTORE DIPARTIMENTO POLITECNICO
DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

Andrea Carletti
DIRIGENTE ISIS A. MALIGNANI UDINE

Piero Pinamonti
COORDINATORE CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA

ore 15.00
ARTURO MALIGNANI GENIO FRIULANO
Federico Malignani

ore 15.30
DALLA LAMPADINA ALL’AUTO ELETTRICA
Stefano Comuzzi
ISIS A. MALIGNANI UDINE

ore 16.00
LE CENTRALI IDROELETTRICHE
Massimo Canali
CONSORZIO DI BONIFICA PIANURA FRIULANA

Manifesto
Locandina

L’impatto dei processi di produzione additiva in ambito navale

L’utilizzo, attuale e futuro, della stampa 3D nell’industria navale/marittima per produrre componenti metalliche e il possibile ruolo in questo settore del Laboratorio di meccatronica avanzata del Friuli Venezia Giulia (Lama FVG), nato dalla collaborazione dei tre atenei regionali (Udine, Trieste e Sissa).

Sono questi i temi attorno ai quali si è sviluppato il workshop internazionale “Re-design of schip components for metallic additive manufacturing processes” tenutosi all’Università di Udine martedì 25 ottobre, nella sede del Lama FVG (via Sondrio 2, Udine).

L’appuntamento è stato organizzato da mareTC FVG, il cluster tecnologico marittimo del Friuli Venezia Giulia, e da Lama FVG, in collaborazione con il Lloyd’s Register Marine di Londra e l’Associazione italiana tecnologie additive (Aita).

Sono intervenuti docenti delle università di Amburgo (Germania), del Politecnico di Torino, Trieste, Udine, del Politecnico di Milano, del Welding Institute di Cambridge (Regno Unito), e manager ed esperti di aziende come Fincantieri e Wartsila Italia e di enti come il Lloyd’s Register e l’Associazione italiana tecnologie additive .

La stampa 3D, o produzione additiva, in questo caso in metallo, è un processo che consente di creare oggetti tridimensionali da file digitali mediante la sovrapposizione di sottili strati di materiale. Questa tecnologia può produrre forme complesse altrimenti impossibili con metodi di fusione e lavorazione tradizionali o con tecniche sottrattive.

Programma

MANIFATTURA 4.0 – BOLZONELLO, “LEAN EXPERIENCE MODELLO DI SMART INDUSTRY”

“Questa è una realtà dove l’eccellenza del sapere e della produzione si incontrano, dando vita ad azioni concrete nel campo della manifattura 4.0. È un modello che si integra appieno con la nostra idea di creazione del valore in un settore trainante dell’economia regionale e che fa diventare esperienze come queste un punto di riferimento internazionale per quelle ‘smart industries’ che vogliono competere a livello globale”.

Così il vicepresidente della Regione e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello ha definito la Lean Experience Factory (Lef), nel corso della sua visita al centro ad alta specializzazione presente a San Vito al Tagliamento. La realtà è sorta nel 2011 grazie ad un investimento compiuto in partnership tra Unindustria Pordenone e la società di consulenza internazionale McKinsey&company.

La Lef intende trasmettere in modo innovativo le conoscenze teoriche e pratiche sui migliori strumenti tecnici e organizzativi di Lean Management (gestione snella) per la competitività sia della produzione manifatturiera (Lean

Production) sia del comparto office (Lean Office). La “produzione snella” è una metodologia di gestione che considera uno spreco tutte le risorse non utilizzate per altri obiettivi che non siano la creazione di valore per il cliente. Questa filosofia deriva soprattutto dal sistema produttivo utilizzato dalla Toyota. Partendo dall’esperienza Lean, il centro di San Vito si propone di diventare un punto di riferimento sia per quanti intendono sperimentare nuovi approcci produttivi sia per la formazione di alto livello.

Bolzonello, accompagnato dal presidente e dal direttore di Unindustria Pordenone Michelangelo Agrusti e Paolo Candotti nonchè da Sergio Barel, Ceo della Brovedani Group e presidente del distretto Comet, ha dapprima visitato la realtà locale, assistendo poi anche alla formazione in aula compiuta da Marco Sortino, docente dell’Università di Udine ed esperto in manifattura 4.0. “Non è un caso – ha detto Bolzonello – se un colosso come McKinsey, con il sostegno dell’associazione Industriali, decida di dare vita proprio nel Pordenonese ad una simile realtà, creando a San Vito una delle uniche tre realtà al mondo in questo settore”. Per il vicepresidente, il Friuli Venezia Giulia “beneficia di un ricco panorama di enti di ricerca, università e poli scientifici che diventano il substrato necessario affinchè si innestino simili esperienze come quelli della Lean Experince Factory”. La metalmeccanica, che è un settore trainante per il Friuli Occidentale “rappresenta per questo territorio la reale specializzazione distintiva della regione, grazie alla capacità dimostrata dalle aziende del comparto di sapersi adattare alle esigenze della clientela e introdurre innovazioni di processo e di prodotto”.

Se da un lato, quindi, in regione ci sono le basi per dare vita a realtà di eccellenza, secondo Bolzonello il salto successivo da compiere è quello di tipo reputazionale. “In Friuli Venezia Giulia c’è un interessante tessuto imprenditoriale, di infrastrutture, start up e sistema dei saperi. Con il piano Rilancimpresa abbiamo cercato di sintonizzare l’offerta di incentivi ai fabbisogni delle aziende. Ora però dobbiamo lavorare sul miglioramento dell’aspetto reputazionale, per far conoscere ancora meglio il ricco patrimonio di cui disponiamo – e di cui la Lef è una dimostrazione pratica – al fine di attrarre altri nuovi investimenti”.

Giovedì 3 marzo 2016

Visita alle Officine Danieli

Visita in Danieli 2014
Nella mattinata di sabato 13/12/2014 alcuni studenti di Tecnologia Meccanica II Modulo (UD), assieme ad alcuni studenti dall’Università di Trieste hanno visitato gli stabilimenti produttivi di Officine Danieli SpA, Buttrio (UD).
20141213_112150_mod

20 novembre 2014 – Visita ai laboratori e centri di ricerca dell’Università di Nova Gorica

Il Posoški razvojni center, lead partner del progetto transfrontaliero SHARTEC, offre alle aziende interessate la possibilità di visitare i laboratori e i centri di ricerca dell’Università di Nova Gorica.
L’obiettivo della visita di studio è quello di far conoscere l’ambito di lavoro dei laboratori di ricerca che in futuro potranno essere utilizzati anche dai partecipanti. Il progetto SHARTEC è tra l’altro volto a creare una rete di rapporti tecnico-scientifici tra le aziende e i centri di ricerca.
Se il numero di partecipanti sarà sufficiente, verrà organizzato un bus gratuito.
Programma

28 novembre 2014 – Workshop Internazionale su “Innovazione degli utensili da taglio”

Il settore degli utensili da taglio è in continua evoluzione e in anni recenti le tecnologie di rivestimento superficiali hanno permesso di raggiungere risultati di produttività ed efficienza impensabili. Il workshop ha la finalità di creare un tavolo di discussione con i maggiori esponenti del mondo accademico ed industriale su di questo tema specifico.
Al pomeriggio, vi sarà un altro workshop che tratterà gli aspetti tecnico/organizzativi per la produzione di componentistica meccanica di precisione in particolare sull’aspetto di pulizia e sbavatura dei pezzi prodotti. Il tema è di fondamentale importanza oggigiorno per molti settori produttivi, quali il medicale, l’aerospaziale, automotive ed altri.
Programma

Avviso di Selezione Personale

Azienda metalmeccanica regionale cerca Ingegnere Industriale o Elettronico, da impiegare nello sviluppo di sistemi di automazione – macchine automatiche per controlli superficiali, settore automotive. La persona dovrà progettare le macchine e seguirne lo sviluppo anche presso gli stabilimenti produttivi esteri (Europa, America).

Si richiede conoscenza dell’ambito automazione.

Per Informazioni rivolgersi al dott. Marco Sortino

Seminario gratuito Kistler su misurazione di forza, coppia, pressione ed accelerazione

Kistler in collaborazione con l’Università di Udine, organizza un seminario gratuito allo scopo di introdurre le tecnologie associate alle misure, nell’ambito delle applicazioni Test & Measurement di forza, coppia, accelerazione e pressione.

Il seminario si terrà l’8 ottobre 2014 presso il Polo Scientifico dei Rizzi a Udine.
Maggiori dettagli nel volantino: Invito – Seminario Kistler T&M 08_10_2014.